domenica 20 marzo 2016

RIEMERSIONE

È stato, a dir poco, un marzo in apnea - Berlino con la quinta, l'alternanza scuola-lavoro della terza, l'ultima tornata di recuperi, la settimana dei consigli di classe. 
Ne riemergo con le forze al lumicino ma (finalmente!) dottore di ricerca. 
E ora, dopo l'inchino di rito, mi rituffo a preparar lezioni a correggere compiti, ché questi ultimi tre giorni prima delle vancanze pasquali saranno ancora assai tosti.

martedì 8 marzo 2016

8 MARZO

L'utero è mio e me lo gestisco io.
Sempre.
Sia che resti sfitto sia che decida di affittarlo a qualcuno.
Buona festa della donna.

martedì 23 febbraio 2016

METAMORFOSI DEL CANONE

Ieri, in quinta, facendo Carducci (giusto un assaggino, eh), ragionavo con loro sulle metamorfosi del canone e mi è uscita una roba del genere: "Anche voi avete notato quanto questo genere di poesia [Nella piazza di San Petronio, nda] sia molto lontana dalla nostra sensibilità. Paradossalmente, sentiamo molto più vicino Dante, che ha cinquecento anni in più. Insomma, voglio dire tra "la fosca turrita Bologna" e "amor ch'a nullo amato amar perdona porcocaneloscriveròsuimuriesullemetropolitane... ehm, cioè, Jovanotti... insomma... Perdonate. Sono proprio una figlia degli anni Novanta".

giovedì 18 febbraio 2016

CON TUTTI CRISMI

Un terzo dei miei alunni di quinta non è in grado di impostare in modo autonomo, se non glielo si ricorda, il foglio protocollo per il compito in classe:

Nome, Cognome, classe                                                               data
Compito di xy
Titolo della prova
Foglio piegato a metà.
Scrivere solo sulla colonna di sinistra.

Apparentemente sembrano solo stronzate formaliste, ma credo ci sia da riflettere sul fatto che qualcuno non sia ancora riuscito ad interiorizzare una semplice procedura che, in tredici anni di scuola, ha dovuto svolgere almeno un paio di volte al mese.
Poi ci chiediamo perché gli orientali, così precisi ed un po' ingessati, bagnino il naso ai nostri ragazzi.

lunedì 25 gennaio 2016

INSIEME A TE NON CI STO PIÙ

Non faccio più parte di quella comunità da almeno due decenni, non ne condivido le credenze e mi ripugna sempre di più come è strutturata e gestita, e come influenza la vita delle persone. 
Ci penso da mesi, ma stamattina l'orribile funerale di nonna è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Ho scaricato il modulo per lo sbattezzo.

sabato 16 gennaio 2016

FASE C(AZZODICANE)

"Facevo un lavoro completamente diverso, non so nulla di scuola. Non ho mai insegnato, non mi è mai interessato e non mi interessa farlo. Ma a quaranta e passa anni non rifiuti il posto fisso statale".
#ipsedixit #labuonascuola

venerdì 1 gennaio 2016

CHI FINISCE BENE COMINCIA BENE

Ieri sera, in orario da cena ospedaliera, sono andata ad imboccare la nonna alla casa di riposo, anche se ormai non mi riconosce più e raramente si riscuote dallo stato di catalessi in cui vegeta.
Poi, tornata a casa, prima di mettermi ai fornelli, ho preparato un plumcake con farina di castagne e gocce di cioccolato, così stamattina il Benza, che aveva la sveglia presto per il turno in canile, ha potuto far colazione con qualcosa di davvero buono e non con le solite brioscine confezionate.
E niente, mi sembrava bello chiudere e aprire l'anno con un piccolo gesto di amore e attenzione per gli altri.

Buon 2016 a tutti.

P.S.: E non cominciate con questa solfa dell'anno bisesto: ci sono le Olimpiadi, quindi l'anno bisesto è già di per sé una figata.

domenica 27 dicembre 2015

DOVE VAI DURANTE LE VACANZE?

Due pacchi di interrogazioni scritte.
Un pacco di ventotto temi.
Un articolo per la pubblicazione in volume.
Una tesi di dottorato.

Alla scrivania, direi.

domenica 20 dicembre 2015

NATALE VS NATALE


Il volontariato, del resto, richiede sacrifici. 

Rinunciare al Natale in famiglia, ad esempio, per dedicarsi a chi una famiglia non ce l'ha.

giovedì 3 dicembre 2015

IL LATO POSITIVO

...di tutto ciò è una taglia in meno, secca, nel giro di un mese.
E senza che mi sia passato per l'anticamera del cervello di mettermi a dieta; anzi, ho reintrodotto la merenda all'intervallo e dovuto abbandonare, giocoforza, la nuotata settimanale.
Il problema vero è che prima dell'inizio della scuola mi ero comprata tre paia di pantaloni nuovi, fichissimi, qui, in cui adesso, letteralmente, navigo.
Saldi invernali, vi aspetto con ansia.